prelievo ematico

– è consigliabile sottoporsi a prelievo ematico nel corso della mattinata ed a digiuno. Per lo studio del metabolismo dei grassi è preferibile che il prelievo avvenga dopo un digiuno di almeno OTTO ore.

–  evitare un’ intensa attività fisica nei giorni antecedenti il prelievo

– evitare l’assunzione di farmaci poco prima del prelievo, ad eccezione di precise indicazioni del medico curante.

tampone cervico-vaginale

–  al mattino, lavare i genitali soltanto con acqua.

  • – almeno i tre giorni antecedenti la data del prelievo sospendere l’applicazione di farmaci quali

ovuli ed antibiotici locali

–  è opportuno eseguire il prelievo nel periodo che intercorre tra l’8° ed il 16° giorno dall’inizio     della mestruazione.

ricerca sangue occulto nelle feci

Non è richiesta alcuna dieta specifica poichè le perossidasi vegetali, la mioglobina e le emoglobine animali non umane non vengono rilevate  con tale metodo.

curva da carico di glucosio

–  sottoporsi al 1° prelievo per determinare la glicemia basale (tempo 0)

– somministrazione glucosio in relazione alle indicazioni di seguito specificate, salvo diverse indicazioni del medico curante: adulti 75 gr, donne in gravidanza 100 gr, bambini 1,75 gr/Kg

– dopo la somministrazione di glucosio, sottoporsi a prelievo ematico a 30, 60, 90, 120, 180, 240 minuti salvo altre indicazioni del medico curante.

Modalità raccolta campioni biologici:

esame urine completo ed urinocoltura

– per la raccolta delle urine utilizzare esclusivamente gli appositi contenitori sterili reperibili in farmacia; per il solo “esame urine completo” non è necessario che il contenitore sia sterile

– prima della raccolta, lavarsi con cura le mani ed i genitali esterni

– aprire il contenitore facendo attenzione a non toccare la superficie interna del contenitore e del coperchio

– eliminare il primo getto di urine, raccogliere le urine successive direttamente nel contenitore sterile, riempendo il contenitore per circa metà del suo volume, chiudere il contenitore e conservare in frigorifero (4 °C) sino all’invio dello stesso presso il laboratorio che deve avvenire il più presto possibile

– non raccogliere le urine della notte

urine delle 24 ore

– per la raccolta delle urine delle 24 ore utilizzare esclusivamente gli appositi contenitori reperibili in farmacia

– al mattino, non raccogliere l’urina della prima minzione. Iniziare la raccolta dell’urina dalla minzione successiva alla prima, fino al mattino seguente (fine raccolta). Nel corso della raccolta evitare di esporre il contenitore alla luce diretta ed a temperature elevate

– per la determinazione del ferro urinario consigliamo effettuare due raccolte: una basale e l’altra dopo somministrazione di “Desferal”, previa prescrizione del medico curante.

saliva

– utilizzare appositi contenitori sterili reperibili in farmacia

– rimanere seduti comodamente con gli occhi aperti e con la testa leggermente reclinata in avanti

– limitare i movimenti orofacciali per almeno 5 minuti

– raccogliere la saliva che gocciola dal labbro inferiore nell’idoneo contenitore

feci

– per la raccolta delle feci utilizzare esclusivamente l’apposito contenitore reperibile in farmacia

– togliere il tappo dal flaconcino di raccolta ed immergere l’asticella collegata al tappo in vari punti del materiale fecale. L’aliquota del materiale necessario deve essere ottenuta immergendo l’apposita asticella nelle feci più volte

– fare attenzione che la quantità di feci rimasta adesa all’asticella non sia eccessiva.

– riavvitare il tappo

– inviare al laboratorio (nel frattempo conservare in luogo fresco).

– l’eventuale emoglobina umana presente nel materiale fecale non viene degradata ed il campione conservato in frigorifero può essere inviato al laboratorio anche in tempi successivi al prelievo del materiale (fino a 3 giorni).

– non è necessaria l’esclusione di alcun alimento dalla dieta.

– non è necessario seguire una dieta priva di carne.

cerotto anale di Graham per ossiuri (scotch test)

– non lavare nè applicare talco e creme nella zona anale a partire dalla sera precedente il prelievo

– la mattina, prima del prelievo, non defecare

– far aderire il cerotto nella regione anale per un minuto

– staccare il cerotto e farlo aderire su un vetrino portaoggetti

– recapitare al più presto in laboratorio.

liquido seminale per test di fertilità ed esami batteriologici

– raccogliere il liquido seminale per masturbazione, direttamente in un apposito contenitore sterile, dopo accurata igiene dei genitali e dopo un periodo di astinenza sessuale non inferiore a tre e non superiore a cinque giorni

– aprire il contenitore facendo attenzione a non toccare la superficie interna del contenitore e del coperchio con le mani ed evitare anche il contatto del pene con il contenitore

– il campione deve essere consegnato in laboratorio entro 15 minuti dalla raccolta per esami di fertilità ed entro 20 minuti per esami batteriologici, ponendo molta attenzione a non sottoporre il campione ad eccessive variazioni di temperatura (non al di sotto di 15°C e non al di sopra di 36° C)

– evitare assolutamente metodi di raccolta con profilattici (per la presenza di sostanze immobilizzanti gli spermatozoi) o con il coito interrotto per evitare qualunque interferenza di fattori vaginali

– dal momento che nello stesso individuo si possono verificare variazioni sensibili di alcuni parametri, è opportuno ripetere almeno 3 volte a distanza di 15-30 giorni l’una dall’altra la conta e la motilità